Uluru, viaggio nel centro dell’Australia

Un monolite di grandissime dimensioni, visibile da chilometri di distanza, che spunta dal terreno nel cuore del deserto australiano e che cambia colore in base al momento della giornata in cui lo si guarda. Questo spettacolo della natura è Uluru, la roccia sacra degli Aborigeni chiamata anche Ayers Rock. Scopriamo insieme una della mete più visitate del territorio australiano.

Come raggiungere Uluru

Arrivare da Sydney o dalle altre grandi città fino al centro dell’Australia non è difficile ma comporta sicuramente un discreto dispendio di tempo. Se Uluru è tra le zone turistiche più ambite significa che non potete farvi mancare questa destinazione e grazie al visto che Australia-Eta.com vi aiuterà a richiedere, la vostra meta sarà più facile da raggiungere.
L’Aeroporto più vicino è l’Ayers Rock Airport conosciuto anche con il nome di Connellan Airport che dista 15 chilometri, attualmente collegato con le città di Sydney, Melbourne, Cairns e Alice Springs che, nonostante sia lontana 450 chilometri, possiede un aeroporto più grande e ricettivo che viene sfruttato dai turisti per la possibilità di essere raggiunto da altre grandi città come Adelaide, Brisbane e Perth.
I più temerari e avventurosi che si cimenteranno nell’attraversata del deserto australiano con auto o camper attraverso la Stuart Highway (che collega la città di Darwin a quella di Port Augusta) troveranno a circa metà del loro percorso una deviazione che li porterà alla destinazione dopo 200 chilometri.

Ayers Rock: tra mitologia e misteri

Questo immenso macigno che spunta dal terreno in modo maestoso, ha sempre avuto un ruolo importante nella mitologia degli Aborigeni e ad esso sono legate molte leggende tramandate per centinaia di anni e che sono arrivate sino ai giorni nostri.
Oltre ad essere importante per l’antica popolazione australiana, l’Ayers Rock, è stato oggetto di numerosi studi geologici per capire meglio le sue origini che non sono ancora state spiegate del tutto.
La sua circonferenza è di circa 9 chilometri, mentre la sua altezza dal suolo è di 350metri ma al di sotto della parte visibile sprofonda per altri 7 chilometri collegandosi ad altre formazioni rocciose (i monti Olgas o Kata Tjuta e il monte Connor).

Il visto con Australia-Eta.com

Se volete visitare Uluru e tutta l’Australia avrete bisogno di un visto di ingresso e potrete trovare tutte le informazioni necessarie su www.australia-eta.com . Il visto più comunemente richiesto per i residenti in Europa è l’eVisitor che ha una durata di un anno e che permette di rimanere sul territorio australiano per massimo 3 mesi consecutivi. Il corrispettivo visto per cittadini americani è il visto elettronico ETA che ha le stesse caratteristiche di quello europeo.
Con questo visto non è possibile lavorare in Australia, per altre informazioni visitare la pagina di Australia-Eta che vi aiuterà nella scelta del visto più adatto alle vostre esigenze.

Lascia un commento