4 metodi infallibili per pulire l’argento senza impazzire

Pulire gli oggetti in argento, magari se sono ossidati, impolverati o peggio, sporchi di cibo, può sembrare davvero una seccatura. Sì perché stiamo comunque parlando di oggetti di un certo valore che andrebbero puliti con massima accortezza ed attenzione.

Ebbene, se state cercando dei metodi per pulire le vostre posate o soprammobili in argenti, magari acquistati presso una semplice argenteria o da chi si occupa di vendita cornici argento, sappiate che siete arrivati nel posto giusto.

Ecco qui di seguito alcuni prodotti naturali e reperibili in qualunque casa per un argento più pulito e lucente.

1. Buccia di banana

La buccia di banana pare che possegga delle ottime proprietà per pulire gli oggetti in argento o comunque in metallo. Basterà prendere una banana, sbucciarla e usarla subito per pulire il metallo in questione, strofinando il tutto. È bene sottolineare però che questo metodo possiede un grosso svantaggio: per pulire oggetti dalla grande dimensione dovrebbero essere utilizzare parecchie bucce di banana. Per questo vi raccomandiamo di usare questo metodo solo con pezzi piccoli.

2. Dentifricio

La causa maggiore dell’argento ossidato è lo zolfo, e i componenti chimici del dentifricio sono in grado proprio di eliminarlo. Per usare questo prodotto, vi consigliamo innanzitutto di lavare l’argento prima con acqua e sapone. Dopo, applicate un po’ di dentifricio sull’oggetto in questione, lasciate agire e dopo strofinate con un panno. Nel caso in cui la vostra posata presenti dei solchi o delle piccole snodature, nulla vi vieta di utilizzare anche uno spazzolino per eliminare le zone più difficili da trattare.

3. Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è una sostanza davvero amica delle casalinghe in quanto permette di eliminare lo sporco più ostico come anche i cattivi odori. In questo caso può essere utile anche per pulire l’argento ossidato. Per usare questa soluzione, prendete un po’ di acqua e versate un po’ di polvere di bicarbonato. Create una pasta e applicatela sul prodotto in argento. Dopo lasciate agire e risciacquate con acqua tiepida. Noterete da subito degli oggetti più puliti e dall’argento più brillante.

4. Ammoniaca


Per un argento ancor più pulito, prendete dell’acqua, versateci l’ammoniaca e subito dopo immergete l’oggetto in questione. Se usate questo metodo, abbiate cura di non lasciare troppo l’argento in ammollo poiché potrebbe rovinarsi troppo. Inoltre, se nel prodotto in argento dovessero essere presenti perle o altre pietre preziose, meglio lasciar perdere.